Siri legge schermata

Clicca sul link sottostante per l’articolo in lingua inglese

Fonte originale osxdaily

In italiano: “hey siri leggi schermata”

How to Find Text on Web Page in Safari for iOS 9 on iPhone & iPad

 (Copiato da OSxDaily)
If you have ever been reading a web page or website in Safari for iOS and wanted to quickly locate a particular text phrase or word within that active webpage, you’ll be happy to know that searching for matched text in Safari has gotten much easier on the iPhone, iPad, and iPod touch with the latest releases of iOS.
With iOS 9 and newer, you’ll find a simple to use and easy to access “Find on Page” option in Safari, which quickly matches any searched text on a webpage in the Safari browser. This is a very useful feature that is now quite simple to access, let’s review how finding on page works in the latest versions of Safari for iOS.

Searching on Web Pages for Words & Text Matches in Safari for iOS 9 with Find On Page
Using Find On Page in Safari is demonstrated here on an iPhone but it works the same on Ipad and iPod touch with the latest releases of iOS:
Open Safari if you haven’t done so already and go to the website you wish to search (for example, the always wonderful and informative http://osxdaily.com)

Tap on the top of the screen to make the URL bar and sharing buttons visible in Safari, then tap on the Share button which looks like a little box with an arrow coming out of it

Scroll through the secondary action items in the Sharing options screen, scroll past Favorites, Add Bookmark, Copy, etc to find “Find On Page”

The Find On Page button option in Safari for iOS
Type the text or number to match within the current webpage to search for it, then tap on the “Search” button, the first match will immediately be visible and highlighted in the Safari browser

Use the arrow keys next to the search box to find next and previous text matches for your search phrase on the web page, when finished tap on “Done”

  

How to find text on web pages in Safari for iOS 9
You can clear the search phrase and search again, or just tap the “Done” button and be done with it if you found what you were looking for. In the example shown, a webpage was searched for “Abbey” and the resulted was found, matched, and highlighted on screen.
This applies to Safari in iOS 9 and newer, older releases have different methods which are linked to below.
This approach is much easier to find matching text on pages compared to what existed in prior versions of iOS on the iPhone, iPad, and iPod touch. While matching text phrases is possible in prior versions, searching for text on web pages in Safari for iOS 8 and iOS 7 and finding matches in Safari for iOS 6 and iOS 5 was much more difficult and a bit more confusing to access, which led many users to believe the feature didn’t exist at all. While Apple has changed this option several times, hopefully the newest version which is quite easy to use and access for finding text match on any web site will stick around.

List of commands for SIRI

fonte: osxdaily

We’ve shown you many of the great and legitimately useful things you can do with Siri, but there is much more to the intelligent voice assistant than meets the eye. Sure you can wing it to find out what Siri can do, but a better solution is to ask Siri directly… and it’ll tell you!

Summon Siri and tap the (i) button to bring up the commands list
OR: Summon Siri and ask “What can you do?”
Either option will bring up an interactive commands list broken into categories, the initial list of Siri examples include a command alongside the category/topic it pertains to:

Call (Name) – Phone
Launch Photos – App Launching
Tell (Name) I’ll be right there – Messages
Set up a meeting at 9 – Calendar
Did the Giants win? – Sports
Give me directions home – Maps
Tweet with my location – Twitter
Post to Facebook – Facebook
Table for four in Palo Alto – Restaurants
What movies are playing? – Movies
Play Norah Jones – Music
Remind me to call mom – Reminders
Email Emily about the trip – Email
What’s the weather today?- Weather
What is Apple’s stock price? – Stocks
Wake me up tomorrow at 7AM – Clock
What is Emily’s address? – Contacts
Note that I spent $12 on lunch – Notes
Where’s Brian? – Find My Friends
Define mitosis – WolframAlpha (for the tough questions)

Notice there’s an arrow alongside each of these entries, and every one of them can be tapped on to see even more specific example Siri commands related to the initial topic.

It’s important to note these are not the only commands you can give Siri, they’re just examples which give you a better idea of the guidelines and frameworks for which Siri works and responds to requests. Look through them and try them out.

Also, when interacting with many of these Siri commands, you can use virtually all of the separate Dictation commands from elsewhere in iOS and OS X to help things along, whether it’s writing out emails, formatting notes, changing punctuation, or whatever else you want done.

Huge List of Siri Commands
If you’d rather see a gigantic list, a while back TUAW took the time to type up many of the commands found in Siri’s example list. It’s pretty extensive, though t’s a bit dated since it’s from the release of iPhone 4S and therefore won’t include newer abilities that pertains to Maps and things like buying movie tickets and finding wi-fi. Nonetheless, it’s a useful list to browse through if you don’t want to navigate through Siri’s menus.

Address Book

Querying Contacts

What’s Michael’s address?
What is Susan Park’s phone number?
When is my wife’s birthday?
Show Jennifer’s home email address
Finding Contacts

Show Jason Russell
Find people named Park
Who is Michael Manning?
Relationships

My mom is Susan Park
Michael Manning is my brother
Call my brother at work

Calendars

Adding Events

Set up a meeting at 9
Set up a meeting with Michael at 9
Meet with Lisa at noon
Set up a meeting about hiring tomorrow at 9am
New appointment with Susan Park Friday at 3
Schedule a planning meeting at 8:30 today in the boardroom
Changing events

Move my 3pm meeting to 4:30
Reschedule my appointment with Dr. Manning to next Monday at 9am
Add Lisa to my meeting with Jason
Cancel the budget review meeting
Asking about events

What does the rest of my day look like?
What’s on my calendar for Friday?
When is my next appointment?
When am I meeting with Michael?
Where is my next meeting?
Alarms

Setting Alarms

Wake me up tomorrow at 7am
Set an alarm for 6:30am
Wake me up in 8 hours
Change my 6:30 alarm to 6:45
Turn off my 6:30 alarm
Delete my 7:30 alarm
Checking the Clock

What time is it?
What time is it in Berlin?
What is today’s date?
What’s the date this Saturday?
Using a Timer

Set the timer for ten minutes
Show the timer
Pause the timer
Resume
Reset the timer
Stop it

Email

Sending Messages

Email Lisa about the trip
Email Jennifer about the change in plans
New email to Susan Park
Mail Dad about the rent check
Email Dr. Manning and say I got the forms, thanks
Mail Lisa and Jason about the party and say I had a great time
Checking Messages

Check email
Any new email from Michael today?
Show new mail about the lease
Show the email from Lisa yesterday
Responding to Messages

Reply Dear Susan sorry about the late payment
Call him at work
Friends

Checking Up on Friends

Where’s Jason?
Where is my sister?
Is my wife at home?
Where are all my friends?
Who is here?
Who is near me?
Maps

Directions

How do I get home?
Show 1 Infinite Loop Cupertino California
Directions to my dad’s work
Local Businesses

Find coffee near me
Where is Starbucks?
Find some burger joints in Baltimore
Find a gas station within walking distance
Good Mexican restaurants around here
Messages

Sending Texts

Tell Susan I’ll be right there
Send a message to Jason Russell
Send a message to Lisa saying how about tomorrow
Tell Jennifer the show was great
Send a message to Susan on her mobile saying I’ll be late
Send a message to 408 555 1212
Text Jason and Lisa where are you?
Reading Texts

Read my new messages
Read it again
Replying to Texts

Reply that’s great news
Tell him I’ll be there in 10 minutes
Call her
Music

Playback

Play The Light of the Sun
Play Trouble
Play Taking Back Sunday shuffled
Play Alicia Keys
Play some blues
Play my party mix
Shuffle my roadtrip playlist
Play
Pause
Skip
Notes

Creating and finding notes

Note that I spent $12 on lunch
Note: check out that new Alicia Keys album
Find my restaurant note
Create a reading list note
Add Tom Sawyer to my reading list note
Phone

Phone calls

Call Jason
Call Jennifer Wright mobile
Call Susan on her work phone
Call 408 555 1212
Call home
FaceTime Lisa
Reminders

Requesting reminders

Remind me to call mom
Remind me to call my mom when I get home
Remember to take an umbrella
Remind me take my medicine at 6am tomorrow
Remind me to pick up flowers when I leave here
Remind me when I leave to call Jason
Remind me to finish the report by 6
Stocks

Checking Stocks

What’s Apple’s stock price?
What is Apple’s PE ratio?
What did Yahoo close at today?
How is the Nikkei doing?
How are the markets doing?
What is the Dow at?
Weather

Checking the Forecast

What’s the weather for today?
What’s the weather for tomorrow?
Will it rain in Cupertino this week?
Check next week’s forecast for Burlington
What’s the forecast for this evening?
How’s the weather in Tampa right now?
How hot will it be in Palm Springs this weekend?
What’s the high for Anchorage on Thursday?
What’s the temperature outside?
How windy is it out there?
When is sunrise in Paris?
Websearch

Looking up information

Search the web for Bora Bora
Search for vegetarian pasta recipes
Search the web for best cable plans
Google the war of 1812
Search Wikipedia for Abraham Lincoln
Search for news about the World Cup
Bing Alicia Keys
Using Wolfram Alpha

How many calories in a bagel?
What is an 18% tip on $86.74 for four people?
Who’s buried in Grant’s tomb?
How long do dogs live?
What is the Gossamer Condor?
What’s the square root of 128?
How many dollars is €45?
What was the Best Picture of 1983?
How many days until Christmas?
How far away is the Sun?
When is the next solar eclipse?
Show me the Orion constellation
What’s the population of Jamaica?
How high is Mt. Everest?
How deep is the Atlantic ocean?
What’s the price of gasoline in Chicago?

Check out more Siri tips, and don’t forget tips for Dictation too, which isn’t interactive but translates your spoken words into text and is available in iOS and Mac OS X too.

Massimizzare la durata della batteria degli iDevices

fonte originale ridble.com

L’utilizzo di dispositivi versatili come quelli iOS, quali iPhone, iPad e iPod Touch, è sicuramente caratterizzato da uno dei limiti più critici inerenti all’elettronica di consumo: l’autonomia della batteria. In una sfera tecnologica che si evolve sempre più verso il sottile, portabile e ultra-accessoriato, la presenza di batterie consistenti è praticamente fondamentale ed è strettamente correlata all’utilizzo corretto dei terminali. Tema, quest’ultimo, che è stato trattato in un ampio approfondimento in cui abbiamo analizzato le batterie degli smartphone.

L’impiego di questi nella vita comune cresce a dismisura, e nonostante l’introduzione di batterie sempre più capienti, tenere testa all’esigenza di rimanere sempre “connessi” o a display sempre più definiti non è di certo facile. Non lo è neanche per i dispositivi Apple, prodotti di un’azienda che da sempre gode della fama di leader nell’ambito della produzione di dispositivi qualitativamente noti (e di conseguenza costosi). Sebbene per iPad e iPod Touch il problema sembra essere leggermente meno evidente, lo stesso non si può dire per iPhone, il quale di generazione in generazione porta con sé grosse lamentele sotto questo punto di vista. Capiamo il perché.

Cercare di salvaguardare l’autonomia della batteria di iPhone è diventato ormai un tabù. Il motivo è strettamente legato a come l’energia viene impiegata tramite il software, ovvero iOS. Questo contiene al suo interno alcuni “punti deboli”, o meglio critici, che sono fortemente incisivi sulla durata della batteria, soprattutto per quanto riguarda iOS 7, versione del sistema operativo rilasciata al pubblico il 18/09/2013. Quali sono tali punti deboli? Come bypassarli? Vediamolo insieme.

Servizi di localizzazione: rari e affamati

Un punto debole che si ripercuote sulle batterie di tutte le tipologie di iDevice (e specialmente su iPhone) è quello dei servizi di localizzazione. Questi consistono sostanzialmente in quei servizi che utilizzano il chip GPS o A-GPS per riconoscere la propria posizione geografica in tempo reale e utilizzarla nelle varie App che lo richiedono, come ad esempio quelle per il meteo, Siri, le Mappe, e via via dicendo. La più importante è senz’altro Trova il mio iPhone, App che consente di geolocalizzare i propri dispositivi Apple qualora questi fossero stati rubati o smarriti.

Ma sono effettivamente tante le App che li utilizzano? Si, circa 15-20 in media per ogni iPhone, un po’ meno per ogni iPad. Lo sfruttamento di tali servizi implica un consistente impiego della batteria, e quindi limitarne l’utilizzo è fondamentale per poterne preservare l’autonomia. Nelle ore in cui si è a casa o in un luogo sicuro questi possono essere disattivati, mentre quando si è in giro, in auto (dove spesso si utilizza la navigazione su mappa), o in posti in cui potreste perdere il vostro dispositivo Apple, è saggio tenerli attivi, quantomeno per le applicazioni di cui necessitate veramente.

Purtroppo in iOS l’attivazione/disattivazione di questi non è proprio rapida da scorgere nelle Impostazioni. Per portare a termine le pratiche basta comunque navigare in Impostazioni > Privacy > Localizzazione; qui basta attivare o meno l’interruttore dedicato. Se oltretutto necessitate dei servizi, ma solo per alcune App, tramite lo stesso menù potete disattivare i titoli per cui non vi serve utilizzare il chip di localizzazione, risparmiando così batteria.

Se proprio non riuscite a rinunciare alla possibilità di localizzare sempre il vostro iPhone, c’è un’altra soluzione avanzata altrettanto ben nascosta. Nel menu Impostazioni > Privacy infatti, vi è una voce che porta il nome di “Servizi di sistema“. Qui sono presenti numerose opzioni che potete disattivare per far sì che il dispositivo che possedete non sfrutti il chip di geolocalizzazione inutilmente. Voci come “Calibrazione bussola”, “Diagnosi e uso”, “iAd da posizione” possono essere tranquillamente disattivate, e sono solo un esempio.

Visualizzate l’elenco presente all’interno del menù, e disabilitate le opzioni che non ritenete necessarie. Salverete una buona parte della vostra autonomia.

Notifiche e push: online con sacrifici

L’impiego più comune fra chi utilizza smartphone o tablet è certamente quello di rimanere “connessi”, ovvero sempre aggiornati tramite social network o altre App su tutto ciò che accade in tempo reale (avete già letto la nostra collezioni delle migliori app per comunicare?). Tale utilizzo è possibile grazie al meccanismo di notifiche push, il quale rappresenta sicuramente il responsabile numero uno della scarsa autonomia dell’iPhone o dei dispositivi iOS in genere.

Avere una valanga di App pronte a notificare qualcosa è sicuramente dal punto di vista funzionale la cosa ideale. Restare sempre aggiornati su tutto è uno dei benefici che porta la diffusione dell’elettronica di consumo (vi sono anche sfavori, vi consigliamo la lettura del nostro editoriale), ma che richiede moltissima energia. Lo stesso vale per le push tramite e-mail: avere due o tre account sincronizzati tramite l’App Mail (o simili) significa predisporre il vostro dispositivo a rimanere in comunicazione col server per controllare in tempo reale l’arrivo di nuovi messaggi, cosa fortemente negativa per l’autonomia.

Ma in questi casi che fare? Semplice, limitare le App che inviano notifiche superflue tramite l’apposito menu raggiungibile dalle Impostazioni. Qui è giusto selezionare un numero indispensabile di App da cui volete assolutamente ricevere aggiornamenti in tempo reale. La stessa cosa vale per le Push di Mail: meno indirizzi sono impostati e meglio è per la batteria di iPhone.

Cellular: 3G e LTE, veloci ma “pesanti”

Altro piccolo punto debole per quanto riguarda l’autonomia della batteria è sicuramente la connettibilità Cellular, ovvero quella che consente di navigare su internet tramite scheda SIM. Mentre il Wi-Fi è ben poco incisivo, le connettibilità 3G o 4G comportano un alto traffico di dati e l’impiego a regime di un apposito chip radio, il quale ovviamente richiede un quantitativo di energia consistente.

Gli smartphone e i tablet di ultima generazione possono essere definiti tali anche perché consentono di rimanere connessi sempre grazie alla connessione Cellular, ma il troppo stroppia. Nel caso in cui vi trovaste in possesso di un iPhone 5 ad esempio, il quale “misteriosamente” si scarica con troppa facilità, badate all’utilizzo che fate della 3G. Lo smartphone di casa Cupertino dispone di un modem davvero strepitoso in grado di sfiorare velocità di navigazione superiori rispetto alla comune ADSL domestica, ma questo è solo la faccia positiva della medaglia. Più velocità in questo caso implica più impiego di energia, e quindi la batteria tende a scaricarsi velocemente (nel caso di iPhone 5 anche troppo velocemente).

E’ giusto quindi utilizzare la connessione al web solo quando è effettivamente necessario. Nei momenti in cui dormite, fate sport o quant’altro, la soluzione migliore è spegnere il dispositivo, entrare in modalità Aereo, o ancora semplicemente disattivare la connessione dati tramite Impostazioni > Generali > Cellulare.

Importante appunto da fare è per una nuova funzione contenuta all’interno di iOS 7 che, con Wi-Fi attivo, tende a ricercare con un intervallo di tempo ristretto nuove reti intorno a voi. Se vi trovate all’esterno e non necessitate di connettervi a nessun Wi-Fi, disabilitate l’opzione attraverso Impostazioni > Wi-Fi o tramite il Centro di controllo, poiché la scansione continua di reti tende a consumare la carica del vostro dispositivo Apple.

Luminosità: automatica o no?

La luminosità con cui viene impostato il display del proprio dispositivo iOS è ovviamente uno degli elementi che incidono sull’autonomia della batteria. L’intensità con cui questo è illuminato richiede un quantitativo di energia, il quale spesso viene affidato alla modalità di luminosità automatica.

Tale modalità è resa realtà tramite l’utilizzo di un sensore ambientale che rileva il livello di luce nel luogo in cui si trova il dispositivo e comunica al software quale è il livello “ottimale” di intensità luminosa da utilizzare. Ma è davvero conveniente per la batteria? Incredibile ma vero, spesso no.

I livelli scelti da iOS per illuminare il display, spesso, al cambio da un ambiente all’altro, sono comunque sopra agli standard classici di corretta visualizzazione. Questo cosa significa? Che si può spesso decurtare facilmente l’autonomia della batteria. Se notate intensità di luminosità eccessive sul dispositivo provvedete a regolare ed eventualmente disattivare la funzione di Luminosità automatica tenendo ben presente che, in base ai vari studi scientifici svolti in merito, la luminosità media è l’ideale anche per la vostra salute.

App: il dramma del background

Altro dettaglio sicuramente da non trascurare per poter difendere l’autonomia del proprio dispositivo Apple è l’utilizzo delle App. Queste sono il vero punto di forza di iOS, sistema che può contare su un mercato di sviluppatori, come testimoniano le cifre di App Store, davvero enorme grazie ai consensi ottenuti dall’azienda in tutti i propri anni di operato.

Le App sono strumenti che consentono di svolgere numerose funzioni. Questi però non devono essere utilizzati in modo eccessivo poiché implicano l’utilizzo di performance particolari del dispositivo e conseguente dispendio energetico. Uno dei problemi più frequenti però non risiede nelle singole App e nelle relative performance, bensì nell’insieme che viene spesso dimenticato in esecuzione dall’utente.

I possessori di iPhone, iPad e iPod Touch devono affrontare una delle debolezze che iOS porta con sé da tempo: la gestione non ottimale delle App in esecuzione. Per la struttura dell’interfaccia utente molto frequentemente, anche gli utenti più accorti, dimenticano di chiudere le applicazioni lasciate in background (in esecuzione tramite la pressione del tasto home). Il problema è che non è per tutti chiaro cosa avviene alla pressione del tasto Home: l’App non si chiude, rimane in esecuzione, e genera esigenze di risorse.

La cosa avviene per tutte le App che decidiamo di mettere da parte e che, se non vengono chiuse prontamente, incidono notevolmente sull’autonomia della batteria per svariati minuti. Nonostante in iOS 7 siano state introdotte nuove gesture per la chiusura delle App, manca ancora un tasto per chiuderle tutte in pochi secondi. Prestate quindi attenzione all’utilizzo del multitasking, e chiudete sempre le applicazioni che non vi servono.

Aggiornamento automatico delle App in iOS 7: comodo ma ad un costo

Importante responsabilità sulla decurtazione dell’autonomia dei dispositivi iOS 7 è attribuita alla nuova funzione introdotta per l’aggiornamento in background delle applicazioni installate. Tale feature, dimostratasi molto apprezzata fra gli utenti tediati di dover manualmente provvedere all’aggiornamento delle proprie applicazioni, implica però un periodico controllo da parte del sistema operativo per la verifica della disponibilità di update, e un conseguente dispendio di energia.

Se volete quindi disabilitare la nuova funzione, e tornare all’aggiornamento classico, potete navigare in Impostazioni > iTunes Store e App Store e disabilitare i download automatici per la voce “Aggiornamenti“. In tal modo potrete reperire gli update delle varie App installate manualmente tramite l’applicazione App Store.

La questione “Aggiornamento delle App in background” viene inoltre confusa spesso per una voce presente all’interno del menu Impostazioni > Generali. Questo, che porta proprio il nome “Aggiornamento app in background“, serve a decidere quali sono le applicazioni che, con connessioni di rete (Wi-Fi o Cellular) o di localizzazione attive, possono aggiornare il proprio contenuto. Esempio, per intenderci al volo: nuovi messaggi su Line, nuovi tweet su Tweetbot, posizione aggiornata in tempo reale su Google Maps. Disabilitate le applicazioni che utilizzano la rete o la localizzazione per l’elaborazione di nuovi dati in automatico che non vi servono; la batteria vi ringrazierà.

Effetto Parallasse: meno tridimensionalità, più autonomia

Altra novità introdotta in iOS 7, specifica per rendere meno monotona la Springboard che mantiene una struttura abbastanza classica, è quella dell’effetto Parallasse. Questo, per intenderci, è l’effetto che rende le icone come poste in un piano rialzato rispetto allo sfondo e in grado di reagire ai movimenti del dispositivo tramite un feedback visivo che simula un ambiente 3D. Tale novità ha raccolto una vasta quantità di critiche poiché troppo “confusionaria” (giudizio soggettivo), e parte di queste sono strettamente collegate alla batteria, in dovere di alimentare anche l’accelerometro per rendere l’effetto realistico.

Fortunatamente l’opzione si disabilita con molta facilità, anche se è nascosta in un menù un po’ insolito. Per portare a termine l’operazione vi basta andare in Impostazioni > Generali > Accessibilità e attivare l’opzione “Riduci velocità” che Apple mette a disposizione per rendere l’utilizzo di iOS 7 meno “frenetico” sotto l’aspetto grafico. Attivata, verranno disabilitate tutte le transizioni di migrazione da un’App all’altra, e l’effetto Parallasse per la Springboard che tornerà ad essere classica. La batteria migliorerà in autonomia.

Sfondi dinamici: belli e impossibili

Una Homescreen dinamica che si rispetti sfrutta sicuramente una tipologia di sfondo che solitamente tende a distaccarsi dal classico Jpeg o PNG immobile. Apple, in iOS 7, ha introdotto appunto gli sfondi dinamici, applicabili tramite Impostazioni > Sfondi e luminosità utilizzando la directory dedicata. Gli sfondi dinamici sono sostanzialmente una serie di immagini montate in un unico sfondo che, tramite l’orientamento del dispositivo calcolato tramite l’accelerometro, tendono a cambiare la propria posizione simulando una sorta di movimento al di sotto delle icone.

Simpatici, belli (anche se un po’ monotoni), ma quanta batteria ci fanno consumare? Troppa, poiché tengono attivo l’accelerometro e un processo che lo utilizza per spostare i vari elementi presenti nello sfondo. Se avete notato un consumo di batteria esagerato nel vostro dispositivo Apple, provate a utilizzare uno sfondo statico tramite la directory “Statico” posta all’interno di Impostazioni > Sfondi e luminosità.

Bluetooth e AirDrop: un interruttore spesso dimenticato

Nell’utilizzo che l’utente medio fa di iOS, spesso c’è quello di dimenticare l’interruttore del Bluetooth acceso. Tethering, scambio di file tramite AirDrop (da iOS 7), e associazione di periferiche esterne Bluetooth come stylus o speaker spesso fanno sì che nel post-utilizzo, l’opzione rimanga accesa, decurtando l’autonomia della batteria in modo consistente.

Una importante misura da prendere quindi è quella di disattivare prontamente l’opzione quando non la utilizzate. La cosa, come ben saprete, è possibile sia tramite Impostazioni > Bluetooth che tramite il Centro di controllo. Non sottovalutate la cosa.

Spotlight: ricerca veloce in indicizzazione continua

Non ci crederete, ma anche la ricerca tramite Spotlight è una responsabile della riduzione di autonomia dei vostri dispositivi iOS. La funzione tende ad indicizzare in continuazione i dati per renderli disponibili nei risultati di eventuali ricerche, generando così un piccolo ma continuo traffico di energia per un processo dedicato. La Spotlight è uno strumento interessante, migliorato oltretutto in iOS 7 con la possibilità di effettuare ricerche da qualsiasi schermata della Springboard, ma può essere quindi controproducente.

Per ridurre (o azzerare) i consumi di Spotlight vi basterà andare in Impostazioni >Generali e scegliere la voce “Ricerca Spotlight“. Qui potrete scegliere quali voci disabilitare in base alle vostre abitudini. Se siete soliti a ricercare esclusivamente all’interno delle applicazioni Messaggi, Contatti e Musica, tenete attive solo queste tre opzioni disabilitando tutte le altre, attive di default.

Altri consigli utili

L’autonomia della batteria di qualsiasi dispositivo può essere notevolmente migliorata anche tramite l’utilizzo di altri metodi. Uno di questi è strettamente legato a come si ricarica il dispositivo e tramite quale strumento.

L’errore che molti utenti fanno è ricaricare i propri iPhone o iPod tramite connessione USB ad un computer. Questa in realtà è una cosa non propriamente corretta poiché la connessione USB è pensata solo alla sincronizzazione (o operazioni simili), mentre quella tramite l’adattatore da presa è specifica per la ricarica della batteria. Questa oltretutto avviene in tempi molto più tempestivi, e quindi tende ad usurare in modo nettamente inferiore il litio.

Una o due volte al mese sarebbe oltretutto fondamentale eseguire una “carica di salute“. La carica di salute consiste nello scaricare completamente il proprio dispositivo fino allo spegnimento totale e alla ricarica tramite presa a dispositivo spento. Contrariamente a quanto si pensa nella maggior parte dei casi, iPhone, iPod Touch e iPad possono essere collegati alla presa e ricaricarsi anche da spenti. Tramite la carica di salute la vita della batteria, cioè il periodo utile in cui questa si comporta in modo sufficientemente soddisfacente, si allunga, rendendo necessaria la sostituzione del componente solo dopo due o tre anni.

Nella speranza che Apple implementi una batteria sufficientemente capiente all’interno di iPhone vi consigliamo di introdurre nell’utilizzo comune del dispositivo queste “buone maniere” al fine di non arrivare a fine giornata con un terminale completamente scarico. Queste ovviamente sono valide per tutte le tipologie di dispositivi iOS.

Infine, se avete bisogno di una carica davvero prolungata, potrebbe essere utile ricorrere ad un accessorio che possa fare da garanzia per l’autonomia del dispositivo. Se avete un iPhone 5 potete consultare ad esempio le recensioni di Mophie Juice Pack Plus o di VaVeliero Battery Cover. Per gli altri modelli di iPhone o per gli altri dispositivi iOS, non disperate: ecco alcune promozioni su custodie con batteria e sulle batterie esterne.

Non esitate a commentare per raccontarci la vostra esperienza personale con la batteria, e a comunicarci eventuali problemi da poter risolvere insieme.